Raffaello Sanzio

Soprannominato: Raffaello    Nascita: 6 Aprile, 1483  - Morte: 6 Aprile, 1520    Collocazione: Sala di Mantegna e di CorreggioSala di Raffaello e di Andrea del Sarto

Raffaello è noto con il cognome Sanzio, ma anche come Raffaello da Urbino, la sua città natale; Sanzio invece deriva da Santi, il cognome del padre, Giovanni Santi (1435-1494), anch'egli pittore e poeta, a Urbino. Raffaello è considerato uno dei tre maestri massimi dell'Alto Rinascimento, insieme a Michelangelo e Leonardo da Vinci. Tuttavia, viene spesso messo a confronto anche con altri suoi contemporanei, come Andrea del Sarto (1486-1531), Correggio (1489-1534) e Tiziano (1485-1576). L'opera di Raffaello come pittore e architetto, legata alla scuola fiorentina, ebbe un'influenza durevole, lungo il Rinascimento italiano e oltre. 

La sua formazione iniziò nel laboratorio del padre, il quale, secondo Giorgio Vasari (1511-1574), lo avrebbe poi mandato alla bottega di Pietro Perugino (1446-1524). La sua prima opera nota è una pala d'altare del 1500, nella chiesa di San Nicola da Tolentino, tra Perugia e Urbino. I lavori di questo primo periodo mostrano la forte influenza di Paolo Uccello (1397-1475) e di Luca Signorelli (1445-1523), ma a Firenze fu fondamentale la scoperta di Leonardo (1452-1519), per il chiaroscuro e lo sfumato, e venne ispirato anche dall'opera di Michelangelo (1475-1564).

Iniziò poi il periodo romano, molto produttivo, sotto il patrocinio quasi esclusivo di papa Giulio II, Giuliano della Rovere (1443-1513) e del suo successore, Leone X, Giovanni di Lorenzo de' Medici (1475-1521). I ritratti di entrambi realizzati da Raffaello sono esposti agli Uffizi. Il lavoro dell'artista al Palazzo Vaticano è diventato famoso come le Stanze di Raffaello, dove si trova la sua nota Scuola di Atene, tra le molte altre opere. Qui l'artista lavorò insieme a uno dei suoi alunni più importanti, Giulio Romano (1499-1546), che completò il lavoro rimasto incompiuto alla morte del maestro. 

Alla Galleria degli Uffizi troviamo anche la Madonna del cardellino, realizzata per il matrimonio di Lorenzo di Bartolomeo Nasi e Sandra di Matteo Canigiani, nel 1505: l'opera mostra la prima influenza fiorentina di Leonardo, nella composizione geometrica. A questo periodo risale anche un Autoritratto, e un ritratto precedente, del 1503, Ritratto di giovane col pomoche potrebbe essere Francesco Maria della Rovere, duca di Urbino. Ancora agli Uffizi, sono esposti il Ritratto del papa Leone X con i cardinali Giulio de' Medici e Luigi de' RossiRitratto di Elisabetta GonzagaRitratto di Guidobaldo da Montefeltro, e due opere attribuite al maestro e a un suo assistente, il San Giovanni Battista e il Ritratto del papa Giulio IIcopia dell'originale esposto alla National Gallery di Londra. 

L'arte di Raffaello ebbe un'ampia diffusione, e influenza, anche grazie alla sua collaborazione con l'incisore Marcantonio (1480-1534), che realizzò una cinquantina di stampe dalle sue opere, alcune copie di dipinti e altre realizzate su disegni appositamente creati dal maestro. Queste stampe portarono la magnifica arte di Raffaello oltre i confini italiani, imprimendo una traccia perpetua sull'arte occidentale. 

(Parte del testo originale è riadattato da www.wikipedia.org, disponibile in GNU Free Documentation License). 

 

Vuoi vedere le opere di questo artista?

Prenota ora una visita

Fatal error: Uncaught Error: Call to undefined function mysql_close() in /var/www/virtualuffizi/index.php:193 Stack trace: #0 {main} thrown in /var/www/virtualuffizi/index.php on line 193