Piero della Francesca

Nascita: 1412  - Morte: 12 Ottobre, 1492    Collocazione: Sala del primo Rinascimento

Piero della Francesca fu un artista rinascimentale, noto ai suoi contemporanei come matematico e scienziato, ma tuttora apprezzato in particolare per la sua arte. I suoi dipinti sono caratterizzati da un sereno umanesimo e dall'uso di figure geometriche, in particolare in relazione alla prospettiva e allo scorcio. La sua influenza fu importante per i successivi lavori allegorici del ferrarese Cosimo Tura (1430-1495), così come per Pietro Perugino (1446 – 1524) e Luca Signorelli (1445 – 1523).

Nacque e morì nella piccolà città di Borgo San Sepolcro, in Toscana, e potrebbe aver studiato con uno dei tanti artisti senesi che al tempo della sua giovinezza vi lavorarono. Sappiamo che svolse un apprendistato a Firenze, con Domenico Veneziano (1410-1461), con cui lavorò agli affreschi nella chiesa di Sant'Egidio, nel 1439, e nell'ospedale di Santa Maria Nuova. Conobbe Fra Angelico (1395-1455), che gli fece conoscere i maestri del tempo, Masaccio (1401-1428) e Brunelleschi (1377-1446). Nel 1442 tornò a Sansepolcro, dove, tre anni dopo, gli venne commissionata la pala d'altare per la chiesa della Misericordia, che completò nei primi anni Sessanta. Nel 1449, invece, dipinse numerosi affreschi nel Castello Estense e nella chiesa di Sant'Andrea, a Ferrara, ora perduti.

Due anni dopo era a Rimini, per lavorare per il Lupo di Rimini, Sigismondo Pandolfo Malatesta (1417-1468), capo militare e mecenate delle arti. Realizzò qui il famoso affresco Sigismondo Pandolfo Malatesta in preghiera davanti a San Sigismondo, e anche il ritratto del condottiero. Ebbe l'occasione di incontrare l'altro famoso matematico e architetto del Rinascimento, Leon Battista Alberti (1404-1472). Nel 1452 venne chiamato ad Arezzo, per sostituire Bicci di Lorenzo agli affreschi della basilica di San Francesco. Questi rappresentavano la leggenda della Vera Croce, e sono considerati uno dei capolavori dell'artista e della pittura rinascimentale in generale.

Nel 1453 tornò a Sansepolcro dove, l'anno seguente, firmò il contratto per il polittico della chiesa di Sant'Agostino. Pochi anni dopo, convocato da papa Nicola V (1397-1455), si recò a Roma, dove dipinse gli affreschi nella basilica di Santa Maria Maggiore. Ne realizzò anche al Palazzo Vaticano, ma sono andati distrutti. Appartiene a questo periodo La flagellazione di Cristo, uno dei più noti e controversi quadri del primo Rinascimento. Tra le opere maggiori della sua maturità, ricordiamo: Il battesimo di Cristo, la Resurrezione e la Madonna del parto. A Urbino, dove si trovava al servizio del conte Federico II da Montefeltro, incontrò Melozzo da Forlì (1438-1494) e il matematico Luca Pacioli (1445-1514). Qui dipinse il famoso doppio ritratto di Federico e sua moglia Battista Sforza, esposto agli Uffizi: Doppio ritratto dei duchi di Urbino, la Madonna di Senigallia e la Natività. I suoi ritratti di profilo erano ispirati alle monete romane. 

(Testo adattato da www.wikipedia.org, in GNU Free Documentation License).

 

Vuoi vedere le opere di questo artista?

Prenota ora una visita

Fatal error: Uncaught Error: Call to undefined function mysql_close() in /var/www/virtualuffizi/index.php:193 Stack trace: #0 {main} thrown in /var/www/virtualuffizi/index.php on line 193